Feed RSS

Archivi del mese: marzo 2015

I sentieri verso la collina

Inserito il

Dolcemente andante va il mio pensiero

verso i sentieri della collina.

Là… riposano i miei avi

e di certo m’avrebbero amato

or che si ferma l’istante del raduno

delle loro memorie e della mia memoria.

Là… mia madre con la vestaglia di luna

ancora mi cerca nel tormentato mio girovagare.

Là… mio padre ancora si leva col suo scudo in fiamme

in difesa al mio male.

Si è piegato il cielo sulla mia fronte

e se ne va il mio corpo nel turbinoso vento

quando mi dissolve  la bellezza che non ebbi.

Vita ti amo per ridarti nuova riprova

e al  miele che ti scende dall’anfora dell’amore

ti chiederò di bere…

I sentieri verso la collina

m’ardono  nella mente come fuochi fatui

e  mi accompagnano il cammino.

Vita ti amo e non m’importa di corrispondenza

come l’amante incompreso

sotto l’altana del tuo diniego.

Carmelo Caldone

…Chi mi scrive nell’anima

Inserito il

Emblematica sarà la mia esistenza

come il passo del fiore

alle ombre  disuguali del giorno.

Non mi è dato di rivelare

un’esplosione di felicità

se non con una rosa d’ombra

quando delinea il suo vermiglio silenzio.

…Chi mi scrive nell’anima

avrà il suo delicato fine

senza mai un amore all’ultimo atto.

Carmelo Caldone

Verbale giuria del concorso nazionale di poesia edita per regioni ( Basilicata Carmelo Caldone)

Inserito il

PREMIO NAZIONALE 2014
POESIA EDITA

Leandro Polverini

(111 autori)

57 poeti – 54 poetesse

Regioni

Marche – 4
Boccolini Maria Grazia – Cingolani Silvia – Donati Ada – Marconi Fulvia –
________________________________________
Molise – 1
Macchiaroli Mucciaccio Virginia –
________________________________________
Calabria – 4
Fabiano Luana – Falbo Vanessa – Tassone Rocco Giuseppe – Tulelli Paolo –
________________________________________
Lombardia – 11
Bersini Ivano – Decò Mattia – Gallace Rosy – Giovannelli Maria Gabriella – Ingegneri Lucia – Maestroni Alfredo – Miano Michele – Pedretta Alessandro – Ronchi Donatella – Tagliabue Valentina – Tanzi Ivana –
________________________________________
Toscana – 5
Corsi Alessandro – Fani Luciano – Franchi Alessio – Frisina Giusy – Remorini Giancarlo –
________________________________________
Lazio – 20
Bagli Elisabetta – Bartolomeo Maria – Basile Guido – Belviso Adele – Bernardini Luigi – Carbone Claudio – Conti Colombo – Duccillo Marina – Gallon Silvano – Gianfelici Gabriella – Giudicissi Angelini Marina – Ivone Fiorella – Lanciotti Maria – Longo Anna Laura – Lucchini Mirko – Portoghese Patrizia – Sbardella Alberto – Sebastianelli Loretta – Taverna Rocco – Zanarella Michela –
________________________________________

Basilicata – 1
Caldone Carmelo –
________________________________________
Piemonte – 6
Belotti Egidio – Danna Enrico – Giannone Giacomo – Mocchia di Coggiola Teresa – Mondelli Tommaso – Vacchetta Flavio –
________________________________________
Puglia – 6
Adamo Vito – Albanese Michele – Fornaro Maria – Losito Irene – Spedicato Assunta – Zambetti Nicola –
________________________________________
Emilia Romagna – 4
Leonelli Andrea – Maffini Carla – Malerba Giuseppe – Valentini Vanna –
________________________________________
Veneto – 11
Biasuzzo Sabina – Bigotto Roberto – Busato Gianni – Donatelli Teresa – Gaddo Zanovello Lucia – Guidolin Giuseppe – Nadalin Bruno – Nardin Donatella – Valente Silvana – Venturini Gloria – Volpato Massimiliano –
________________________________________
Umbria – 2
Ambrosi Marco – Lindi Costanza –
________________________________________
Campania – 8
Carfora Rosaria – Francischetti Pasquale – Marano Agostino – Napolitano Sabatina – Scialò Salvatore – Somma Luciano – Spera Raffaele – Visconte Antonio –
________________________________________
Friuli-Venezia Giulia – 7
Battiston Omar – Castellani Fulvio – Gozzoli Roberta – Luciano Giuliana – Maggiore Renzo – Martin Stefano – Muccin Fabio –
________________________________________

Liguria – 4
Cresta Laila – Millaci Dora – Raschillà Stefania – Turco Baldassarre –
________________________________________
Sicilia – 14
Barresi Daniele – Bramanti Carlo – Calafati Maria Rosaria – Campisano Cancemi Alfonsina – Cerniglia Rossella – D’Agrusa Giuseppe – De Martino Caterina – Di Liberto Salvatore – Fabra Bignardelli Adalpina – Lonardo Antonio – Maio Antonino – Paolino Salvatore – Piccichè Cettina – Santo Francesco Luca –
________________________________________
Abruzzo – 1
Pieranunzi de Marinis Marina –
________________________________________
Slovenia – 1
Korun Barbara –
________________________________________
Svizzera – 1
Sia Graziano –

Prigioniero

Inserito il

I giorni mi hanno disposto

la loro ragnatela di colori

ed ogni volta vado a legarmi

con le mie ali chiuse di paure.

Dove siete anime mie

che mi levate dagli occhi

il pianto finale della vita.

Tutte in fila vi vedo

con le vostri stagioni sognate

e tu dove sei amore

che ti levi la veste

nella notte nera

col mio tardivo rimpianto.

Cadono le stelle e gli uomini

e la donna che ammonisce la violenza

per la sua bellezza continua a cadere

per l’impavido  malessere del male.

Prigioniero dell’idea del bene

ma ridicolo tra le ferraglie del mondo

m’avvolgo nella ragnatela dei giorni.

Breve è il rimedio all’incubo di una vita

se non abbiamo il miele e la perla

sul fianco del cuore.

Prigioniero per amarti

prigioniero per salvarti

in questo grande  fragore di luci

e lamenti…

Carmelo Caldone

Una perla di sofferenza d’amore

Inserito il

Odo della mia anima la sua voce

ed una perla di sofferenza d’amore

mi diventa sorgente vitale

là….dove nelle correnti il mio sangue

vuol divenire mare

ed approdare nell’infinita tua memoria.

Son passato e passerò

tra quei viali dove s’incatena il tramonto

per non farsi possedere dalla notte

e dal suo oscuro oblio.

Ti offro senza aggiungerti pena

questa perla di sofferenza d’amore

e come quando s’onora l’ombra

sul tuo perduto sorriso

io sarò nel fiorire  di un verso

che grida tra le mura del nulla e del silenzio.

Mi ricorderai con allegrezza

lontana e pura come il mio sogno che ti sogna.

Ti offro una perla di sofferenza d’amore

e una preghiera che ti veglia

nell’ora che traccia il destino la sua scrittura

ma io son passato e passerò

tra quei viali dove s’incatena  il tramonto

per non farsi possedere dalla notte

e dal suo oscuro oblio….

Carmelo Caldone

Tratto da “Un sogno irraggiungibile”

Inserito il

Turbato come la neve

nelle scosse del vento

non so più dove posare

il mio bianco pensiero.

Potrei invidiare

la sorte di ogni uomo

quando si conclude

nella meraviglia dei corpi.

La vita porge il suo volto

nello specchio degli amori

ma quando le si chiede aiuto

si volta dall’altra parte

e ti lascia solo

nella recita degli ultimi.

Non di tristezze vorrei vivere

e nemmeno darla vinta

al sovrano che si chiama Dolore.

Quando il sole fa il suo tentativo

di risollevare il fiore dalla terra

io credo che lo possa fare anche per me

ma tutto si conclude

e tutto si rimanda al domani sognante.

S’arrotola una foglia nella via

e la città cade sempre

ai piedi di un uomo solo….

 

Carmelo Caldone

Recensione di Edvige Cuccarese alla raccolta poetica “Sul velo oscillante di luci” di Carmelo Caldone

Inserito il

 

sulvelo

 

 

“Sul velo oscillante di luci”, titolo che è tutta una poesia, si presta ad immagini magici.

All’interno leggo “poesie d’amore, cerco di comprendere di quale amore il poeta  sia stato ispirato e mi rendo conto che oltre all’amore verso la persona che gli ha” rapito il cuore”,

nutre amore per ogni cosa, per una città “A Matera”(oggi riconosciuta come Capitale Europea della cultura 2019) , come per un ricordo “Alla stazione Centrale di Milano”.

Testimonianza, questa raccolta,di momenti,di persone e situazioni diverse, passate nel tempo, intorno a Carmelo. Lui si appassiona e tende ad immortalare ciò che ha vissuto e che è rimasto dentro di lui, nel suo cuore, nella sua mente, nel suo essere tutto.

Ha impresso sulle pagine di questo suo ultimo libro il sentimento d’amore che ha provato allora,il tempo accaduto e che prova  oggi ancora nel  descriverlo in versi e che proverà domani e farà provare a chi leggerà con il cuore dell’autore. A chi cercherà e riuscirà ad avvicinarsi al battito del suo cuore per ricevere le sue stesse emozioni.

“Sul velo oscillante di luci”, mi viene da dire: tutto ciò che accade sotto il cielo “Sul cedere del giorno/ s’è disteso un velo oscillante di luci…”, sotto le luci delle stelle e di quelle artificiali della città, un velo si distende dove luci brillano alte anche lontano e, sotto si svolge la vita, la vita di un uomo che ama smisuratamente.

 

Ing. Edvige Cuccarese

Critico letterario

 

 

 

Inno alla bellezza

Inserito il

Bellezza ambita

al furore negato dai miei sogni

e mai avvolta dalle alghe della notte.

Ci sarà un momento

nella leggera chiusa della mia palpebra

che mi apparirai nella purezza

di nuova vita.

La motrice del tempo

è sempre avanti

e lascia le  sue carrozze  nella nebbia

dell’ormai passato

ma tu bellezza ambita

a nugolo nelle ali della tua mente

mi ritroverai tra i disegni del sole

e senza motivo nè atto che conclude

mi concederai un tuo respiro

che mi ridarà il respiro.

 

Carmelo Caldone

Ospite alla provincia di Matera in occasione del libro di Edvige Cuccarese

Inserito il

 

 

 

la_gazzetta_del_mezzogiorno_logo

articolo cuccarese alla provincia

 

 

Tratto da “L’incontro”

Inserito il

Era la penultima pagina dell’inverno

ed esultai con la timidezza silente di un bambino

per quell’incontro ideato dalla clemenza del tempo.

…Da dove veniva quella creatura dal fare elegante

e quali senatori delle stelle

la conclamarono il mio cammino.

Fumi di mia disperazione

d’improvviso si diradavano

come il primo apparire dell’alba

e simile ad una freccia al cuore

mi centrò senza più angoscia e tormento.

Da quella penultima pagina dell’inverno

io non peno più in questa vita

e per non darla vinta agli arcieri degli amori

quando portano nei loro carnieri

le prede conflittuali di questo dolce-dolore

ma per sempre…bianchi e sospesi

saremo  nell’aria che non ci  consuma

senza mai nessun respiro di un terreno bacio

che s’interrompe!

 

Carmelo Caldone