Feed RSS

La mia musa


Non posso confondermi

nei bagordi della sera

devo ubbidire alla mia musa

e ritornare da lei.

I bambini nel mezzo della strada

forse un dì ricorderanno il mio passaggio

e nelle notti violente diranno:

“L’abbiamo  visto passare…ma dove andava

col suo pallore…almeno s’inchinava

alla nostra innocenza di allora”

Si spettinano ancora le  donne innamorate

nell’ora che li vedrà effimere sognatrici

e poi scapperanno  dagli alberghi

con la farfalla nera della loro illusione

e rimarranno nello sfavillare di un bacio

lassù sospeso nella pendula ala della luna

ma io non posso rimanere

nei bagordi della sera

devo ubbidire  alla mia musa

e alimentarmi della sua bellezza

finchè il mio fragile tempo

si ripieghi nella terra.

 

Carmelo Caldone

 

 

Annunci

Informazioni su carmelocaldone

Scrivimi: caldonegs@virgilio.it

»

  1. è una fortuna, la tua ubbidienza alla tua musa, la sua bellezza ci incanta attraverso le tue parole
    con ammirazione
    Francesco

    Rispondi
  2. La musa è padrona della tua anima, come puoi tradirla? Lei non ti tradisce, ti culla tra i suoi capelli d’amante.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: