Feed RSS

Inno alla poesia


Cosa c’è in quest’aria del mio tempo
che odora di fiori senza nome
cosa c’è in questa voce che tiene labbra chiuse
e impazzisce e grida nel fiorire del mio sonno.
Fosti stata un leggero dono ora non avrei il tormento
e non m’inchinerei ad ogni pietra del mio passaggio
ti cerco e mi cerchi e quando m’illumini…. mi lasci…
Bella e inquieta nello specchio del mio mare
e da una finestra del mio disincanto
tu mi vedi e mi trasformi in sfinge
del tuo amore che perdutamente
perdutamente non finisce…

 

Carmelo Caldone

Annunci

Informazioni su carmelocaldone

Scrivimi: caldonegs@virgilio.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: