Feed RSS

Il lamento degli amori perduti


La falce della dimenticanza miete il suo grano e noi spighe d’oro amate dal vento  ci pieghiamo sempre di più alla terra,

le barche dei cieli ci hanno perduto, non vedi? ma noi in qualche deriva dell’esistenza tremiamo nell’ora dei giorni e delle notti ed entrambi lontani non ci possiamo soccherrere …dove sei…dove sono…

oh noi sfingi del presunto infinito che negli abbracci non siamo che divenuti polveri…fossi pietra o monumento millenario quando si nutre di voli e preghiere io negli occhi degli umani mi sfalderei e sarei simile ad ondosa lacrima che s’arena…oh noi sfingi di un presunto infinito……dove sei…..

Carmelo Caldone

Annunci

Informazioni su carmelocaldone

Scrivimi: caldonegs@virgilio.it

Una risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: