Feed RSS

Tratto da “Appunti di strada”

Inserito il

Non scrivo solo per liberare

represse sensazioni

e non son certo che  sia una virtù

che appaga pienamente il mio sentire.

Non può bastare la mia penna

a fugare il male della vita

nè a completare un amore sognato.

Son fatto come la pioggia

che tenta di lavare la strada dal fango

o come la neve che s’illude

di tenere per sempre di bianco

le cose oscure della terra.

Vorrei gridare ad ogni anima dislocata

questo tempo che li  urta

quando non si cura dei suoi  amori  sospesi

e li lascia in alberghi clandestini

con la loro farfalla nera dell’incerto.

Si sveglia una stella

e tu amore ti addormenterai

ed io ti seguirò nella scia profumata

del tuo sonno….

Carmelo Caldone

Annunci

Informazioni su carmelocaldone

Scrivimi: caldonegs@virgilio.it

»

  1. quali e quanti versi impareggiabili ci regali caro Carmelo, non mai troverò altro diletto al leggere del tuo canto.
    Immagino questo tuo blog come una panchina posta vicino ad un ruscello, dove ritorno a sentire quel mormorio poetico che si rinnova e mi allieta placidamente.
    Un caro saluto
    Francesco

    Rispondi
    • Grazie caro amico poeta, mi rendi onore con le tue parole e ci sarò con la mia poesia
      per rendere un momento placido a te e a tutti quelli che mi leggono.
      Questo è lo scopo messaggero della mia poesia.
      Un caro saluto d’affetto
      Carmelo

      Rispondi
  2. Bella poesia. La similitudine con la pioggia che hai citato mi ha fatto tornare in mente “O pioggia feroce” di Rebora. Molto bella la frase “Non può bastare la mia penna \ a fugare il male della vita”. Condivido il contenuto generale.
    Cari saluti
    Veturio

    Rispondi
  3. L’immagine della neve quando copre le cose oscure della terra, è un’immagine, anche se illusoria, che ravviva e rende candida ogni impurità della vita; e se anche ha una durata breve, è in quel tempo che si coglie la grazia fatta bellezza della natura. Tempo che tu rendi eterno nel tuo mondo simbolico e ricco e che trasformi in versi che incantano! Bravo come sempre!!!……….E sono solo appunti!

    Rispondi
  4. Grazie Nunzia cara poetessa di nobili versi e di nobile vivere, che altro nel mio percorso poetico si può ambire?
    Un caro saluto di stima e affetto
    Carmelo

    Rispondi
  5. Caro Poeta, non sarà, forse, la tua penna…
    Ma son certa che i tuoi versi che nascono dal ventre della tua anima: sanno mondare ogni cuore, afflitto dal dolore che la vita “dona”.
    Grazie, Carmelo
    Un abbraccio grande
    Mistral

    Rispondi
  6. Grazie Lucia, sono lusingato e onorato
    Un caro saluto
    Carmelo

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: