Feed RSS

La casetta nella vigna (tratto dal mio primo libro “Mia terra addio”)


primolibro

Noi ce ne andammo

e non più udimmo

lo scalpitio dei cavalli

nelle strade terse di luna.

Non più sentimmo

odori di scrosciante pioggia

che la terra esalava nell’aria.

La casetta nella vigna

si vestì d’edera selvatica

tutta adornata di cielo caduto.

L’abbraccio d’azzurro cautelava

il mistero di chi

sostava nelle notti  buie

e un riso arcano echeggiando tra i calanchi

poi, nell’acqua dei pozzi taceva.

L’albero d’acacia accoglieva

tra i suoi rami l’agonia

di chi dal vento dei sogni si faceva colpire.

Se ne andò la sospirata figliola

dagli occhi logori di pianto

e rimase la sua altalena ancora sospinta

dall’arrabbiato lontano amore.

In scosciante pioggia

si diluiva il suo cuore

e cadeva

cadeva…su quelle care mura

di quella casetta nella vigna…

Carmelo Caldone

Annunci

Informazioni su carmelocaldone

Scrivimi: caldonegs@virgilio.it

»

  1. Nostalgia che torna prepotente e l’immagine di quella casetta nella vigna è già poesia che commuove. Buona serata. Isabella

    Rispondi
  2. Una grande emozione nel ricordo del tempo che fu
    Grazie ancora
    Abbraccio
    Mistral

    Rispondi
  3. Il nostro passato, i nostri ricordi, la nostra vita….L’emozione torna sempre.

    Rispondi
  4. Um dipinto nei colori delicati del ricordo
    Applauso
    Gina

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: