Feed RSS

Inno alla solitudine


foto_fiumi_001x

Mai vissi da padrone di me stesso

come ora, su questo fiume.

Scorrono figure acquose

trascinando i fiori dei miei pensieri

che affogano e poi riemergono.

Raggi di quel che fu il nostro sole

si spengono fra le schiume d’antichi rimorsi.

Odo rumori di folle che si amano,che si odiano

e tentano con braccia d’aria d’avvolgermi.

Ma solo il tuo spirito è mio e vive fra i miei fogli

con tre parole che sfidano il  tuo destino:

–Dimenticami–ama– e sii felice–

Carmelo Caldone

Annunci

Informazioni su carmelocaldone

Scrivimi: caldonegs@virgilio.it

Una risposta »

  1. Generosi e belli questi versi ,che trascinano nella memoria, il tempo passato
    Grazie davvero, caro Carmelo
    Abbraccio
    Mistral

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: